/

Ordine dei giornalisti della Campania al voto

Il 26 febbraio in prima convocazione, il 5 marzo in seconda e il 19 l’eventuale ballottaggio

1 min read
Ottavio Lucarelli, presidente dell’Ordine dei giornalisti della Campania

NAPOLI – Il Consiglio regionale dell’Ordine dei giornalisti della Campania ha convocato le elezioni per il 26 febbraio in prima convocazione, il 5 marzo in seconda e il 19 marzo per l’eventuale ballottaggio.
La decisione è stata assunta recependo la sentenza della VII Sezione Civile del Tribunale di Napoli che ha annullato la delibera con la quale il Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti ha respinto il ricorso di 28 giornalisti contro l’esclusione di quanti non sono stati ammessi al voto per le elezioni del Consiglio regionale dell’Ordine della Campania, per mancata comunicazione dell’indirizzo di Posta elettronica certificata, pur non essendo stati sospesi dall’Albo professionale. Ricorso presentato da giornalisti professionisti e pubblicisti, iscritti nei rispettivi elenchi all’Ordine regionale della Campania, che nella tornata elettorale conclusasi il 7 novembre 2021 con la proclamazione degli eletti, non sono stati ammessi al voto in presenza al seggio in quanto, seppur in possesso di regolare Pec non l’avevano comunicata all’Ordine entro cinque giorni prima della data di convocazione per il voto elettorale on line.
Con la sentenza, che ha condannato il Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti al pagamento delle spese di lite, quantificate in 9000 euro oltre accessori di legge, il Tribunale di Napoli ha ritenuto che «la tornata elettorale va ripetuta potendosi ritenere il relativo risultato potenzialmente inficiato dalla denunciata irregolarità, già adesivamente vagliata dal Consiglio Nazionale, non potendosi in senso contrario ritenere siffatto vizio ininfluente sull’esito della votazione e/o nell’interesse ad agire degli impugnanti come contraddittoriamente declinato dallo stesso Consiglio nella seconda parte del provvedimento impugnato».
La decisione arriva dopo il voto del Consiglio nazionale dell’Ordine (51 votanti su 54 presenti, 29 sì, 21 no e 1 astenuto) di non appellare la sentenza, nonostante avesse respinto – recependo all’unanimità il parere della Commissione ricorsi – il ricorso dei 28 giornalisti campani ritenendo che «le irregolarità riscontrate non hanno falsato il risultato delle operazioni elettorali».
Dunque, in Campania si tornerà presto a votare con un’anomalia di non poco conto: la ripetizione delle elezioni solo per il Consiglio regionale. Prevalsa la tesi della ripetizione delle elezioni a causa della privazione del diritto di voto a quanti non hanno comunicato la Pec, ci si chiede infatti perché venga ritenuta, invece, legittima l’elezione dei tre consiglieri nazionali campani eletti dalla medesima platea elettorale. Procedura, va ricordato, per la quale l’Odg campano aveva chiesto indicazioni all’Ordine nazionale che, ribadiamo, aveva respinto il ricorso sia in commissione che in Consiglio nazionale.
Scartata l’ipotesi di un eventuale azione legale del Consiglio regionale, l’Odg Campania presieduto da Ottavio Lucarelli ha scelto, dunque, di accelerare i tempi per l’immediato ritorno alle urne che, visti i risultati dell’ultima tornata elettorale, non potrà che confermare l’inequivocabile verdetto espresso dai giornalisti campani. (giornalistitalia.it)

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Dal 1° gennaio pagare in ritardo costerà caro

Next Story

Figec, soci fondatori gli iscritti entro il 31 dicembre

Latest from Blog

withemes on instagram

This error message is only visible to WordPress admins

Error: No feed found.

Please go to the Instagram Feed settings page to create a feed.